Text Size


ANIMAL WITH LANGUAGE

Oreeth Ashery

18 September – 22 November 2014
Private view Wednesday, 17 September 2014, 6-9 pm


waterside contemporary is pleased to present Animal with a Language, a solo exhibition by Oreet Ashery, her first with the gallery.

Within a flesh toned environment, hypnotic sound, text, videos and assemblages, Ashery’s objects and actors acquire meaning through associative transmission and direct expression. The gallery space becomes a codified system for the flow of subconscious excess, exhaustive languages of protest, grassroots actions and questionable cultural appropriations.

Reactivating The Clean and The Unclean, the protagonists of Vladimir Mayakovsky’s revolutionary 1921 play Mystery-Bouffe, Ashery collaboratively produced a collection of ponchos and headgear. These humble forms of dress made from ubiquitous cleaning materials - dish cloths, wipes, dusters – are the uniforms of speculative purists and partisans, exploited labourers and heroes. Adorned with this couture collection, the cast expose themselves to the inevitable risk of becoming objectified fashion icons.

Another of Ashery’s characters is the Paranormal Pig, drawn from her r

ecent project Party for Freedom. Here, the pig appears as a nonchalant woman ready for roasting. In another incarnation, the pig becomes an elevated sculptural figure and elsewhere reproduced as a snout-print, a ready logotype.

Within the troubling global condition of The Un/Clean, Ashery interrogates the paradoxical coexistence of revolt and desire towards the unclean and animalistic, the annihilation of the self and others.

Beware! The Unclean Are Rising Again! They Exist! They do Exist!


A special performance event 21st Century Carpet Sale! A Legendary Collection will take place on 16 October at Swedenborg House, Bloombsury.

 


Animal with a Language
Oreet Ashery

18 September – 22 November 2014
Private view Wednesday, 17 September 2014, 6-9pm

waterside contemporary is pleased to present Animal with a Language, a solo exhibition by Oreet Ashery, her first with the gallery.

Within a flesh toned environment, hypnotic sound, text, videos and assemblages, Ashery’s objects and actors acquire meaning through associative transmission and direct expression. The gallery space becomes a codified system for the flow of subconscious excess, exhaustive languages of protest, grassroots actions and questionable cultural appropriations.

Reactivating The Clean and The Unclean, the protagonists of Vladimir Mayakovsky’s revolutionary 1921 play Mystery-Bouffe, Ashery collaboratively produced a collection of ponchos and headgear. These humble forms of dress made from ubiquitous cleaning materials - dish cloths, wipes, dusters – are the uniforms of speculative purists and partisans, exploited labourers and heroes. Adorned with this couture collection, the cast expose themselves to the inevitable risk of becoming objectified fashion icons.

Another of Ashery’s characters is the Paranormal Pig, drawn from her recent project Party for Freedom. Here, the pig appears as a nonchalant woman ready for roasting. In another incarnation, the pig becomes an elevated sculptural figure and elsewhere reproduced as a snout-print, a ready logotype.

Within the troubling global condition of The Un/Clean, Ashery interrogates the paradoxical coexistence of revolt and desire towards the unclean and animalistic, the annihilation of the self and others.

Beware! The Unclean Are Rising Again! They Exist! They do Exist!


A special performance event 21st Century Carpet Sale! A Legendary Collection will take place on 16 October at Swedenborg House, Bloombsury.

WATERSIDE CONTEMPORARY

2 Clunbury Str, London N1 6TT (directions)
nearest tubes: Old Str and Hoxton

Wednesday-Saturday: 12-6pm
First Thursdays: 12-9pm
and by appointment

waterside-contemporary.com
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
tel +44 20 3417 0159


 



Dotan Leshem

Theory, Culture & Society, June 30, 2014

qui

http://dx.doi.org/10.1177/0263276414537315

 

Abstract


This article tackles Giorgio Agamben's critique of Michel Foucault's genealogy of governmentality in two ways: first, by presenting an alternative model of the relations between pastoral and theological economy and, second, by conducting a genealogy of the former as revealed in the state of exception, when canon law is suspended. Following the author's genealogy of oikonomia in the state of exception, he argues that politics and economy are distinct from one another by virtue of the fact that the primary relation of the latter is one of inclusion while that of the former is one of exclusion. Finally, the author traces three of oikonomia's prolific qualities in the operation of governmentality in civil society and of market economy: (1) its inclusiveness; (2) the constant representation of the irreconcilability of law and authority; and (3) its operation by accommodating to the ways of the governed.


genealogie - Archeologia del sapere

 

Dottorato in Filosofia (XXIX ciclo)
Michel Foucault: Il presente come eredità

Ciclo di seminari

Dipartimento di Filosofia

Sapienza - Università di Roma

Villa Mirafiori, via Carlo Fea 2

 

A trent’anni dalla scomparsa di Michel Foucault, i diversi aspetti della sua opera, a partire dalla distanza temporale che ce ne separa, emergono come snodi problematici per pensare il presente. In particolare la tramatura dei rapporti tra saperi, poteri e soggetti, di cui sono intessute le forme di vita, emerge in primo piano nell’articolare l’esistenza quotidiana.

Le diverse letture che in questi anni hanno impegnato il suo pensiero, nella torsione verso un immediato impiego “politico” o verso una critica spesso infondata, ne hanno paradossalmente reso opaco l’insegnamento.

I seminari intendono riflettere su alcuni tra i molteplici aspetti della straordinaria opera foucaultiana per tentare una cartografia dei regimi di verità a partire da cui sono possibili una filosofia politica, una teoria della conoscenza e un’analitica del soggetto.

 

Calendario degli incontri

28 Aprile, Aula XI, ore 17,30

Paolo B. Vernaglione: La natura umana come dispositivo. Foucault e la modernità.

Daniele Lorenzini: Etica e politica di noi stessi. Riflessioni su un uso possibile dell’ultimo Foucault

 

 

5 maggio, Aula II, ore 17,30

Stefano Catucci: Potere e sensibilità nell’opera di Michel Foucault

Orazio Irrera: Michel Foucault e la critica dell’ideologia

 

 

12 maggio, Aula XI, ore 17,30

Martina Tazzioli: Interruzioni di confine e soggettivazioni agiuridiche. Lavorare con Foucault negli spazi del presente

Laura Cremonesi: Il concetto di critica in Michel Foucault

 

 

Stefano Catucci insegna estetica presso la Facoltà di Architettura di Ascoli Piceno. I suoi studi si sono concentrati sulla ricognizione dello spazio architettonico in rapporto ai grandi problemi sollevati dalla filosofia contemporanea. Ha anche sviluppato, con una metodologia ibrida tra filosofia, critica e storia della musica, originali lavori sull'estetica musicale barocca. E’ autore, tra l’altro di La filosofia critica di Husserl, Bach e la musica barocca, Introduzione a Foucault, Per una filosofia povera, Imparare dalla luna.


Laura Cremonesi ha conseguito il dottorato in Discipline Filosofiche presso l'Università di Pisa e di Paris XII-Val de Marne (UPEC). Si occupa di Filosofia francese contemporanea, e in particolari modo del pensiero di Michel Foucault e di quello di Pierre Hadot. Su questi temi, ha pubblicato vari interventi, tra cui il libro "Michel Foucault e il mondo antico. Spunti per una critica dell'attualità", ETS, Pisa


Orazio Irrera collabora con il Centre de philosophie contemporaine de la Sorbonne dell’Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne. È co-direttore della rivista “materiali foucaultiani”. Dirige inoltre il seminario “Race et colonialisme. Sur les épistémologies de la décolonisation” presso il Collège International de Philosophie. Ha pubblicato numerosi articoli in Italia e all’estero sugli studi postcoloniali e sul pensiero di Michel Foucault, di cui ha curato l’edizione italiana e francese di Sull’origine dell’ermeneutica del sé, Cronopio, Napoli 2012 e Vrin, Paris 2013.

Daniele Lorenzini sta ultimando un dottorato di ricerca in filosofia all'Université Paris-Est Créteil e alla Sapienza di Roma, con una tesi sul rapporto tra etica e politica nel pensiero di Michel Foucault, Pierre Hadot e Stanley Cavell. Co-fondatore e co-direttore della rivista "Materiali Foucaultiani", è anche responsabile dell'edizione critica, in francese, di una serie di conferenze e di testi inediti di Foucault per la casa editrice Vrin. Ha curato di recente i volumi Un demi-siècle d'Historie de la folie e Michel Foucault : éthique et vérité (1980-1984).

 

Martina Tazzioli e' postdoctoral researcher alla University of Oulu (Relate project, dipartimento di geografia). Dopo la laura in filosofia all'Universita' di Pisa con una tesi su Foucault e la critica al liberalismo, ha conseguito un dottorato in Politics al Goldsmiths College di Londra con una tesi su governo delle migrazioni nel Mediterraneo e pratiche migranti di sommovimento degli spazi all'indomani della rivoluzione tunisina, attraverso una lettura foucaultiana.

 

 

Paolo B. Vernaglione, insegnante, è co-fondatore di “SofiaRoney. org” laboratorio filosofico on line, e autore di saggi e libri tra cui Il sovrano, l’altro, la storia. Dopo l’umanesimo. Filosofia del comune. Collabora alla rivista “Alfabeta2”.

Organizzazione: Paolo B. Vernaglione, paolo.vernaglione @uniroma1.it. cell: 3335914349

Proponiamo all’attenzione di tutte/i questo appello firmato da alcuni intellettuali e attivisti europei e non solo per denunciare il clima  di crescente intimidazione e repressione presente in Italia e in Europa. Clamoroso è il caso della lotta in Val di Susa, dove attualmente quattro giovani sono sottoposti a un regime carcerario di isolamento, accusati di “terrorismo”, e 54 persone si trovano sotto processo per aver manifestato,  in forme diverse, il loro dissenso contro il proseguo dei lavori per l’Alta Velocità  a cui da venti anni si oppongono le comunità della zona. Non basta: altri episodi diffusi di repressione del dissenso e del diritto a manifestare ci allarmano grandemente.

Promotori di tale iniziativa sono gli iscritti alla lista Effimera, variegata realtà di ricerca e di pensiero internazionale, nata dopo l’esperienza di UniNomade 2.0. Chiediamo a tutti coloro che hanno a cuore la libertà di espressione e di critica di appoggiare questa presa di parola che ha lo scopo di ribadire il diritto all’autodeterminazione dei corpi e dei territori al di fuori delle imposizioni e delle logiche del capitalismo finanziario contemporaneo.

Per firmare: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Segue l’appello in italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo con l’elenco dei primi firmatari.

* * * * *

Foucault, in una lezione tenuta nel 1978 al Collège de France, scrive che oggi l’arte del governare “ha per bersaglio la popolazione, per forma principale di sapere l’economia politica, per strumenti tecnici essenziali
i dispositivi di sicurezza”. Se questo è il piano dentro il quale ci muoviamo, oggi stiamo assistendo ad un salto di qualità dei dispositivi di sicurezza. Osserviamo una complessiva e sottile involuzione autoritaria della società italiana ed europea, dove il conflitto viene patologizzato e interiorizzato e vige la repressione di ogni politica affermativa e di ogni pratica di autonoma gestione di corpi, relazioni, territori. In particolare, ci allarma e ci preoccupa il clima di controllo di un neocapitalismo particolarmente violento nei confronti degli attivisti del movimento No Tav in Val di Susa. Quattro giovani, Claudio, Chiara, Mattia e Niccolò, sono da dicembre in carcere accusati di terrorismo. Altri 54 attivisti No Tav sono sotto processo per i fatti relativi alle manifestazioni del 27/6 e del 3/7/2011, attualmente in corso presso la IV Sezione del Tribunale di Torino, in condizioni in cui, come denunciato pubblicamente dagli avvocati della difesa, si consta “l’oggettiva impossibilità di garantire, nelle attuali condizioni, un sereno e concreto esercizio del diritto di difesa”.

Anche in altre città italiane (Bologna, Milano, Padova, Roma, Treviso, Napoli) negli ultimi mesi sono state emesse ordinanze di “divieto di dimora”, “arresti domiciliari”, “obblighi di firma” destinati a coloro che, più di altri, hanno manifestato dissenso politico.

Noi vediamo nell’esplicarsi di tali durezze fuori misura, il volto di un potere che ha cambiato natura: lontano e dittatoriale, repressivo e dunque “esterno” rispetto alle culture, ai corpi, ai volti, ma contemporaneamente vicino e “intimo”, capace di effettuare un’integrale cattura dell’anima, reclamando di volerla orientare attraverso dispositivi ambientali ed economici che favoriscono l’adesione alla “norma” oppure, viceversa, pronto a espellere, imprigionare, scartare qualsiasi elemento che alla “norma” non voglia adeguarsi.

Un’intera valle e tutta la sua popolazione da quasi venti anni resistono al destino stabilito dalle logiche dello sfruttamento intensivo neoliberista, sordo a ogni desiderio, insensibile ai bisogni della vita e al rispetto dell’ambiente, interessato solo alla razionalizzazione capitalistica dell’esistenza, al calcolo di investimenti in grandi opere inutili ed irragionevoli che debbono essere il più possibile soltanto una fonte di denaro. Di fronte alla fermezza con cui la decisione unilaterale sulla sorte della Val di Susa viene da decenni presentata come una funzione che sottomette tutti i comportamenti agli interessi economici, le comunità hanno messo in gioco i propri corpi, diventando un modello di testarda resistenza alle ragioni del capitalismo-finanziario per il Paese nella sua interezza e anche oltre i confini nazionali. Siamo in presenza di regole oscene che autorizzano a imprigionare quattro ragazzi poiché “l’azione terroristica è idonea ad arrecare danno d’immagine all’Italia” e, aspetto particolarmente significativo, siamo di fronte alla pubblica rivendicazione del lato indecente di questa repressione, con la complicità dei principali media e di buona parte del milieu intellettuale italiano (con poche, ma significative, eccezioni).

Per queste ragioni noi firmando chiediamo l’immediata liberazione degli attivisti imprigionati dietro accuse strumentali e gigantesche. Pensiamo che la moltitudine che si solleva in Val di Susa trasgredisca solo la logica imperante del “capitale umano”. Questi giovani mettono in gioco le proprie vite, rifiutando l’idea della libertà come libera accettazione di una scelta obbligata; hanno sottratto la propria libertà al calcolo, per affidarla alla manifestazione di un’idea.

Non c’è politica che non cominci da lampi come questi, vogliamo ricordarlo. Essi sono i lampi dell’intelligenza e del coraggio imprendibile dell’umanità, gli unici capaci di far tremare la presunta solidità del biopotere contemporaneo. Noi dunque pensiamo che l’avvenire della politica stia nella fedeltà a questi lampi cui chiunque può partecipare, purché sia disposto a mettere davvero in gioco se stesso.

Altri articoli...

Pagina 1 di 11

Inizio
Prec.
1